Brasato di seitan


Il seitan interpreta molto bene questo piatto della tradizione. Il profumo c’è tutto e anche l’aspetto. Ma ha in sé la leggerezza  di un piatto tutto vegetale, che fa bene al corpo ed allo spirito.

Io l’ho gustato con delle quenelles di patate…ma come accompagnamento è perfetta anche una buona polenta, soprattutto quando il freddo si farà sentire.

brasato2R

Ingredienti
500 g di seitan al naturale, 2 cipolle bianche, tre carote, una costa di sedano, vino rosso, brodo vegetale, una foglia d’alloro, un rametto di rosmarino, una foglia di salvia, pepe nero in grani, olio extravergine di oliva, 2 cucchiai di tamari.

Ho tagliato a fette sottili le cipolle e le ho messe a rosolare in una pentola dal fondo spesso, già scaldata sul fuoco, senza olio. Ho aggiunto un po’ di sale e l’ho lasciata andare così per qualche minuto, poi ho aggiunto l’olio. L’ho lasciata cuocere bene, finché non è diventata morbida. A questo punto ho aggiunto le carote ed il sedano, tagliati a fettine sottili, le erbe aromatiche e alcuni grani di pepe.

Ho lasciato brasare le verdure per circa 5 minuti, poi ho aggiunto due bicchieri di vino rosso e due bicchieri di brodo vegetale, ma va bene anche dell’acqua.

Ho lasciato cuocere, coperto, a fiamma bassa, fino a cottura delle verdure, poi ho frullato il tutto con un minipimer, dopo avere tolto le erbe aromatiche. Se troppo asciutto, aggiungere un po’ di brodo, per rendere la salsa più fluida.

Nel frattempo, ho preparato il seitan, tagliandolo a fettine non troppo sottili. L’ho insaporito con una emulsione di tamari, olio e un po’ d’acqua e l’ho fatto rosolare in padella, mescolando spesso per farlo dorare bene.

Appena pronto, l’ho versato nella pentola della salsa, ho rimesso sul fuoco e ho lasciato insaporire e sobbollire dolcemente per far amalgamare bene i sapori.

brasato