Polpette di lenticchie


Ieri sera sfogliavo il libro dello chef Martino Beria Le proteine vegetali, in cerca di ispirazione per un secondo che avrei voluto mangiare oggi. E così ho trovato questa ricetta, che lui chiama Kofta di lenticchie.

Mi ha subito intrigata, gli ingredienti li avevo su per giù tutti e cosi stamattina mi sono messa all’opera.

Devo dire che mi capita raramente di replicare ricette altrui, se mai mi faccio ispirare e poi le stravolgo a modo mio. Questa volta invece ho lasciato fare a lui, mi sono affidata e ho fatto bene. La bontà di questo piatto posso solo raccontarvelo. Mi ha catturata, stupita.

Alcuni ingredienti non li avevo e non li ho messi, ad esempio il cumino, che ci sarebbe stato bene dal momento che questo è un piatto mediorientale. Al posto del succo di barbabietola, ho messo dell’acqua.

Mi sto ancora leccando i baffi!

Ingredienti per circa 8 polpette
240 g di lenticchie cotte (io ho usato quelle in vasetto già pronte), 10 g di fiocchi di patata, 50 g di farina di glutine, 10 g di farina integrale, 1/2 cucchiaino di aglio in polvere, un cucchiaino di paprica affumicata, un cucchiaio di olio extravergine di oliva, sale alle erbe, olio extravergine di oliva per la cottura.

Ho messo insieme i una boule gli ingredienti secchi, poi ho aggiunto le lenticchie ben scolate e l’olio e ho lavorato il tutto con le mani per amalgamare gli ingredienti. Ho aggiunto poi l’acqua, quanto basta per rendere l’impasto lavorabile, e il sale. Ho lavorato il tutto in maniere decisa ed ho ottenuto un impasto che stava su bene, tanto da riuscire a formare le crocchette.

Ho formato delle polpette allungate e le ho messe a cuocere nella vaporiera di bambù per 15 minuti. Le ho lasciate intiepidire, poi le ho infilzate con degli spiedi di legno non troppo lunghi.

Ho scaldato una padella antiaderente con un filo d’olio e vi ho fatto rosolare le polpette, prima da un lato poi dall’altro. Ho cotto in due volte perché non ci stavano tutte insieme  nella padella.

Lo chef Martino consiglia di servirle con un po’ di hummus o con salsa tzatziki. Io le ho accompagnate con dei crauti stufati con cipolla e vino bianco.